Pagina 1 di 1

dcc++ dcc plus plus base station e JMRI

Inviato: domenica 17 gennaio 2021, 0:26
da harryplotter
Buonasera a tutti!
Ho provato a cercare qui nel forum delle informazioni sulla centrale basata su arduino e motorshield denominata dcc++, di cui si trova molto in rete... c'è un argomento specifico ? Nella sezione centali non l'ho vista.
Qualcuno di voi la sta utilizzando? Io sto provando con con JMRI.

Grazie in anticipo ! Ciao !

Re: dcc++ dcc plus plus base station e JMRI

Inviato: domenica 17 gennaio 2021, 0:46
da Marco Fornaciari
Oddio, per esperienza "di 45 anni di pagnotta" preferisco utilizzare sistemi commerciali basati su hardware professionale e con meno fili e PCB in giro: meno hardware c'è, meno problemi ci sono.
Certo se uno è appassionato di elettronica va bene, ma io sono appassionato di treni e trenini.
Sorvolando sul fatto che Buddace (Nuccio) ha la sua centrale che è qualche gradino più in alto di Arduino.

Re: dcc++ dcc plus plus base station e JMRI

Inviato: domenica 17 gennaio 2021, 1:25
da Fidax
Ho letto molto di questa centrale e prima o poi la voglio provare: il mio punto di vista é che é l'unica centrale acquistabile a circa 15€ (7 arduino e altri 7 motor shield, ovviamente parlo dei cloni che per gli esperimenti sono la cosa migliore: se li distruggi non piangi).
Se una persona è neofita consiglio caldamente questa accoppiata per "provare il digitale", poi, con l'evolversi aumenta di grado e qualità.
Ho letto della centrale di Buddace ed é molto interessante! Poi con la possibilità di avere il feedback railcom é un punto a suo favore.
Ciò non toglie che se voglio solo giocare e fare qualche prova, preferisco spendere 15 di centrale più 25 di decoder, che 100 (il costo della ClaudiaCS) più 25.

Re: dcc++ dcc plus plus base station e JMRI

Inviato: domenica 17 gennaio 2021, 11:11
da Senialas
Io condivido il punto di vista di Marco.
Preferisco spendere 125 - 130€ per la Claudia CS + l'alimentatore, oppure, per fare un'altro esempio, 160€ per la DR5000, che perdere tempo (per me) ad assemblare/configurare componenti con il rischio che qualcosa funzioni, pur non avendo problemi a maneggiare hw e sw di questo tipo. Io sono appassionato di trenini (non di treni) e del loro funzionamento.
Con una centrale commerciale dopo 10 minuti si è in grado di far girare le proprie locomotive e cominciare a divertirsi.
Inoltre non lo ritengo nemmeno un risparmio, se si considerano i valori in gioco, tanto più che poi, molte volte, mi è capitato di vedere che chi si pone queste problematiche, magari acquista, senza il minimo tentennamento, locomotive a prezzi decisamente elevati.
Va bene per l'appassionato di elettronica (il cui interesse è diverso), ma non sicuramente per un neofita, che oltre a dover imparare e digerire le complicazioni del digitale si trova davanti tutte le insicurezze derivanti da schede e cablaggi.
Molto meglio, secondo me, chiarirsi bene le idee su quale percorso si vuole intraprendere e poi valutare e scegliere quale centrale risponde più da vicino alle proprie esigenze.

Re: dcc++ dcc plus plus base station e JMRI

Inviato: domenica 17 gennaio 2021, 11:44
da Buddace
Senialas ha scritto:Io condivido il punto di vista di Marco.
Preferisco spendere 125 - 130€ per la Claudia CS + l'alimentatore

Il costo aggiornato al Listino di maggio della Claudia è 80€ per il kit e di 100€ per la versione assemblata :D

Re: dcc++ dcc plus plus base station e JMRI

Inviato: domenica 17 gennaio 2021, 13:10
da Senialas
Grazie per il chiarimento.
Claudia CS + alimentatore = 125-130€ (come detto).

Re: dcc++ dcc plus plus base station e JMRI

Inviato: domenica 17 gennaio 2021, 21:41
da harryplotter
Grazie delle risposte e dei consigli a tutti.

Credo che la centrale ClaudiaCS e altri sistemi professionali disponibili su mercato non siano paragonabili a quella più spartana fatta con arduino, tuttavia molti ne parlano e mi sta dando qualche soddisfazione.
Io sono anche appassionato di elettronica, autodidatta, mi piace applicare l'elettronica al fermodellismo.
Comunque ho scoperto che la centrale permette la programmazione del decoder solo sull'uscita apposita e che fari e movimento, almeno con jmri, sono possibili solo sul circuito e non sul binario di programmazione.
La lettura scrittura delle CV può avvenire solo sul binario di programmazione.

Re: dcc++ dcc plus plus base station e JMRI

Inviato: domenica 17 gennaio 2021, 22:14
da Fidax
Per quanto sia una limitazione evidente (esempio la regolazione della cv per la velocità) non é così strana se si pensa che le due uscite sono separate apposta per dare corrente molto piccolo sul binario di programmazione e di dare piena potenza su binario principale.
Inoltre, se non erro, con le dovute configurazioni la dcc++ può erogare fino a 4A al binario principale.

Re: dcc++ dcc plus plus base station e JMRI

Inviato: lunedì 18 gennaio 2021, 9:33
da antogar
harryplotter ha scritto:Grazie delle risposte e dei consigli a tutti.

Credo che la centrale ClaudiaCS e altri sistemi professionali disponibili su mercato non siano paragonabili a quella più spartana fatta con arduino, tuttavia molti ne parlano e mi sta dando qualche soddisfazione.
Io sono anche appassionato di elettronica, autodidatta, mi piace applicare l'elettronica al fermodellismo.
Comunque ho scoperto che la centrale permette la programmazione del decoder solo sull'uscita apposita e che fari e movimento, almeno con jmri, sono possibili solo sul circuito e non sul binario di programmazione.
La lettura scrittura delle CV può avvenire solo sul binario di programmazione.



https://www.lucadentella.it/2020/11/16/ ... alina-dcc/

(e video successivi...)

Saluti

Re: dcc++ dcc plus plus base station e JMRI

Inviato: domenica 28 marzo 2021, 20:18
da mario
Ciao, li ho visti tutti i filmati e mi sono divertito a metterne in pratica qualcuno. Certo avere una centrale pronta con display è una cosa ben diversa ma per far muovere le manine e la fantasia va benissimo ripeto a me piace.
Ciao.
Mario

Re: dcc++ dcc plus plus base station e JMRI

Inviato: lunedì 5 aprile 2021, 21:08
da Luca.Rubini
Noi con la centrale arduino gestiamo i treni in scala G e stiamo studiando il bus loconet da interfacciaci