led di coda lampeggianti con NE555.

Discussioni inerenti l'esecizio, l'installazione e la gestione di sistemi digitali per il modellismo ferroviario.

Moderatori: Luca.Rubini, Seba55, peppardo

Messaggio
Autore
giorgio_italy
PlasticoDigitale
Messaggi: 627
Iscritto il: mercoledì 27 febbraio 2008, 13:40
Scala: N
Ho il plastico: Si
La mia centrale digitale.: Roco Multimaus + XnTcp e Sprog II con JMRI + AutoDispatcher su Mac
Contatta:

#16 Messaggioda giorgio_italy » martedì 2 giugno 2009, 19:03

enzo49 ha scritto:P.S. pur essendo un neofita mi piacerebbe capire perchè i due 555 oscillano all'unisono senza il condensatore che collega il polo positivo ed il negativo dell'alimentazione. Per ridurre ancora le dimensioni vorrei usare i 555 in formato smd. Posso usare anche condensatori smd (ceramici o al tantalio) al posto dei grossi elettrolitici?
Enzo
Quando un circuito elettronico commuta, ad esempio per accendere o spegnere un LED, come nel tuo caso, genera dei transienti, cioè degli impulsi brevissimi che si trasmettono attraverso le linee di alimentazione e possono pregiudicare il funzionamento di altri componenti (ad esempio innescare un altro NE555, che, essendo un oscillatore astabile, è particolarmente sensibile a questi problemi).
Per tale motivo, si è soliti montare dei condensatori di disaccoppiamento (di bassa capacità ) in parallelo all'alimentazione di ogni integrato, il più vicino possibile ai pin di alimentazione dello stesso. Questi condensatori scaricano a massa i transienti, evitando che gli impulsi spurii generati dall'integrato si trasmettano attraverso l'alimentazione e, allo stesso tempo, proteggendo l'integrato da eventuali transienti generati altrove. In aggiunta, si installa un condensatore di maggiore capacità  (elettrolitico) in parallelo all'alimentazione della scheda. Quest'ultimo ha lo scopo di livellare l'alimentazione e smorzare eventuali oscillazioni che si possono innescare (ad esempio a causa dei condensatori di disaccopiamento).
Il calcolo esatto dei valori da utilizzare per il disaccopiamento non è banale, anche perchè dipende dall'induttanza delle piste (o dei cavetti), quindi si procede di solito in modo empirico, basandosi sulle informazioni fornite nei datasheet e sull'esperienza, propria od altrui :-)
Se hai appurato che nel tuo caso è sufficiente 1 uF per ottenere il disaccopiamento, puoi certamente utilizzare a tale scopo componenti smd.
Per garantire la continuità  di alimentazione ed evitare sfarfallii è necessario invece un condensatore di capacità  molto maggiore e, pertanto, elettrolitico. Maggiore è la sua capacità  e migliore è il risultato. Cerca pertanto di utilizzare l'elettrolitico da 25 Volt più grosso che ti sta. Mi sembra di ricordare che c'erano varie thread su questo sito con consigli per l'acquisto di condensatori (prova a cercare CUPS).
ciao
Giorgio

mario54i
PlasticoDigitale
Messaggi: 390
Iscritto il: sabato 18 giugno 2005, 20:23

#17 Messaggioda mario54i » martedì 2 giugno 2009, 19:23

enzo49 ha scritto:aggiungo ancora la risposta per Mario54i che mi chiede se c'è il condensatore tra i pin 1-5:
No, non c'è alcun condensatore.
Ciao!


Unendo questa informazione a quello che dice Giorgio mi sembra tutto piu' chiaro. Il primo NE555 accendendo il LED provoca un disturbo sull'alimentazione che finisce dritto sull'ingresso del comparatore del secondo 555 (pin 5) non filtrato dal condensatore che non c'e', e lo fa' scattare facendo partire il secondo lampo.
In tutti gli esempi di applicazione del 555 ho sempre visto quel condensatore sul pin 5 (salvo casi particolari), qualche ragione per metterlo ci sara'.
Adesso mi procuro un paio di 555 e provo.
ciao

enzo49
TrenoDigitale
Messaggi: 63
Iscritto il: sabato 21 agosto 2004, 0:47

#18 Messaggioda enzo49 » martedì 2 giugno 2009, 20:33

un grazie di cuore a Giorgio e Mario.
Avete contribuito a far avvicinare ancor di più all'elettronica un neofita come me che fino ad oggi non ne è ha mai voluto sapere preferendole (ma con molta parsimonia) l'elettrotecnica.
Grazie ancora.
Farò tesoro dei vostri consigli nei prossimi circuiti che realizzerò, sperando che essi diventino sempre più complessi.
Enzo

MikyR1100R
PlasticoDigitale
Messaggi: 550
Iscritto il: venerdì 7 settembre 2007, 21:52

#19 Messaggioda MikyR1100R » martedì 2 giugno 2009, 22:02

Quindi si può avere un disegno dello schema delle luci asincrone lampeggianti a basso costo e la relativa lista dei componenti?
Sarebbe cosa utile a molti.....

enzo49
TrenoDigitale
Messaggi: 63
Iscritto il: sabato 21 agosto 2004, 0:47

#20 Messaggioda enzo49 » mercoledì 3 giugno 2009, 12:49

prova a collegarti in questo sito

http://wild-bohemian.com/electronics/flasher.html

utilizza il circuito del multivibratore con NE555 collegandovi solo il LED 1
i materiali da utilizzare sono:
1 integrato NE555
3 resistenze R1, R2, R3 (possibilmente smd)
1 condensatore elettrolitico C
1 led (opzional un secondo led)

i valori di R1, R2 e C determineranno la frequenza ed i tempi di accensione del LED 1. Se vuoi collegare anche il LED 2 sappi che questo si accenderà  per tutto il tempo in cui resterà  spento il LED 1, come le luci di S.Andrea nei PL (in questo caso i valori di R1 ed R2 devono essere uguali a circa 40-60 kohm)

Con una tensione di 12 Vcc, e valori di R1 = 150 kohm, R2= 2,2 kohm e C=10 uF 16v otterrai che il led 1 si accenderà  con un lampo ogni secondo circa. Con R3 =680 ohm avrai anche una luminosità  adeguata con qualunque led. Se vuoi aumentare la frequenza ti consiglio di ridurre solo R1 a 60-100k. Potresti anche aumentare la capacità  di C a 20-50 uF 16v, ma avrai ingombri maggiori del condensatore e maggior difficoltà  di alloggiare dentro la carrozza HO i due circuiti (uno per ognuno dei due led di coda).

In base a quanto ci siamo detti nel forum, i due circuiti vanno collegati in parallelo alla stessa fonte di alimentazione a 12V, i cui poli dovranno essere a loro volta collegati con un piccolo condensatore che garantirà  l'effetto di asincronia dei due lampi. Tuttavia sarà  sempre bene diversificare leggermente le frequenze dei due circuiti utilizzando R1 con valori leggermente diversi.

Comunque proverò a mettere in vendita in ebay un circuito montato e funzionante, completo di led.

Saluti a tutti
Enzo

MikyR1100R
PlasticoDigitale
Messaggi: 550
Iscritto il: venerdì 7 settembre 2007, 21:52

#21 Messaggioda MikyR1100R » mercoledì 3 giugno 2009, 21:11

No no no che cosa dici sotto eBay?
Vendilo a me , assolutamente!!!!
Street price? :)

enzo49
TrenoDigitale
Messaggi: 63
Iscritto il: sabato 21 agosto 2004, 0:47

#22 Messaggioda enzo49 » mercoledì 3 giugno 2009, 22:09

Miky mi dispiace, ma ho già  inserito da qualche ora due fanali FS all'asta, con scadenza fra circa 10 giorni.
Comunque appena ne realizzerò altri (avrò qualche ora di tempo fra un paio di giorni), te lo farò sapere nel forum o nella tua email se me la potrai fare conoscere.
Prova comunque a partecipare all'asta e ad aggiudicarteli. E' un piacevole gioco!
Un saluto ....... elettronico.
Enzo

Seba55
DCCMaster
Messaggi: 1248
Età: 65
Iscritto il: martedì 13 giugno 2006, 10:16
Scala: H0
Ho il plastico: Si
La mia centrale digitale.: ClaudiaCS - AliceHC - Maus Roco - RocRail
Località: Travedona Monate (VA)

#23 Messaggioda Seba55 » giovedì 4 giugno 2009, 17:07

Questi LED potrebbero fare al caso nostro?

http://cgi.ebay.ie/50-x-Twinkle-Automat ... 7C294%3A50

Seba

enzo49
TrenoDigitale
Messaggi: 63
Iscritto il: sabato 21 agosto 2004, 0:47

#24 Messaggioda enzo49 » giovedì 4 giugno 2009, 20:25

Seba
per me sono dei normalissimi led lampeggianti da 3 mm (troppo grossi per il loro utilizzo nella coda delle carrozze). Di led lampeggianti ce ne sono anche di più piccoli e adatti,

vedi
http://cgi.ebay.it/ws/eBayISAPI.dll?ViewItem&ssPageName=STRK:MEWAX:IT&item=190146255292

ma la qualità  del loro lampeggio non corrisponde alla realtà  del fanale FS. Infatti il led lampeggiante pur avendo una frequenza accettabile (circa 1 sec.) tiene acceso il led quasi per il 50% del tempo di frequenza, mentre il fanale FS emette un lampo che al massimo dura il 5% della frequenza, restando spento per il restante 95%. E' praticamente simile al lampo del fanale di coda che si installa nelle bici per essere ben visibili di notte.

Nel caso nostro il led deve essere un microled smd di forma rettangolare (come il fanale FS) e avente dimensioni massime di 1 mm x 1 mm circa, a forte intensità  luminosa, che, grazie al circuito oscillante montato nella carrozza, emetterà  un lampo molto simile a quello delle vere carrozze ferroviarie. Ogni led poi va inserito in un modellino di fanale che, secondo l'accuratezza di costruzione, si avvicini il più possibile alla realtà  (io l'ho realizzato in cartoncino, non è molto preciso, ma abbastanza accettabile per essere costruito in casa, e data anche la sua piccolezza (vedi, se puoi, quelli che ho messo in asta in ebay - cerca

http://k2b-bulk.ebay.it/ws/eBayISAPI.dll?MyEbaySellingActiveListings&ssPageName=STRK:ME:LNLK

In coda alla carrozza ne vanno montati due, ognuno pilotato da un NE555 con leggere differenze nei valori delle resistenze, in modo che la frequenza di lampeggio dei fanali sia leggeremente diversa per renderli più visibili. Gli NE555 vanno collocati all'interno della carrozza ben nascosti (io li colloco entrambi dentro il wc o incollati con carta biadesiva sotto il tetto).

Saluti
Enzo

dany-mc
LocoDigitale
Messaggi: 34
Iscritto il: lunedì 26 novembre 2007, 21:38
Scala: H0
Ho il plastico: Si
La mia centrale digitale.: roco multimause e hornby elite
Località: macerata
Contatta:

#25 Messaggioda dany-mc » giovedì 4 giugno 2009, 22:11

ciao amici per chi fosse interessato diverso tempo fa ho acquistato un stock di NE555 di cui ancora ne ho diversi,se qualcuno e' interessato mi puo contattare al: tiger05@virgilio.it (daniele) :)

MikyR1100R
PlasticoDigitale
Messaggi: 550
Iscritto il: venerdì 7 settembre 2007, 21:52

#26 Messaggioda MikyR1100R » giovedì 4 giugno 2009, 22:30

E se volessi alimentarlo dalle rotaie DCC che cosa devo aggiungere?
Dai su un piccolo sforzo.... schemino e lista dei pezzi....

enzo49
TrenoDigitale
Messaggi: 63
Iscritto il: sabato 21 agosto 2004, 0:47

#27 Messaggioda enzo49 » venerdì 5 giugno 2009, 0:15

Non so come fare per inviare foto in questo forum, quindi mi limito a descrivere ciò che bisogna fare.
Occorre che i due fili che portano la corrente alternata 15 volt DCC prelevata dal binario siano collegati ai morsetti di ingresso alternata presenti in un raddrizzatore a ponte (il più piccolo possibile e da fissare opportunamente sotto il tetto della carrozza). Per ridurre la tensione da 15 a 12 volt c.a. occorre collegare in serie, prima del raddrizzatore, una piccola resistenza da 47 ohm 1/4 watt. Ai morsetti di uscita + e - del raddrizzatore ci sarà  quindi la nostra c.c. 12 V a cui collegare i morsetti + e - del nostro circuito oscillante.
Se vuoi collegare due circuiti in parallelo, al fine di fare lampeggiare i due led in modo asincrono dovrai collegare il polo positivo ed il polo negativo a 12 volt con un piccolo condensatore elettrolitico da 1-2 microfarad 16 volt rispettando le polarità  del condensatore (i motivi sono ben illustrati nel presente forum). Il circuito oscillante cui collegare il led l'ho già  inviato nel forum. Se lo vuoi acquistare già  montato e funzionante partecipa pure alle mie due aste in ebay. Appena avrò un pò di tempo, dopo il lavoro, proverò a montare altri fanali FS.

Spero di essere stato chiaro nella mia esposizione.
Saluti
Enzo

Seba55
DCCMaster
Messaggi: 1248
Età: 65
Iscritto il: martedì 13 giugno 2006, 10:16
Scala: H0
Ho il plastico: Si
La mia centrale digitale.: ClaudiaCS - AliceHC - Maus Roco - RocRail
Località: Travedona Monate (VA)

#28 Messaggioda Seba55 » venerdì 5 giugno 2009, 8:36

Grazie, adesso il discorso è molto più chiaro.
Seba


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 51 ospiti