Pagina 1 di 3

Plastico modulare in digitale (serve aiuto)

Inviato: lunedì 19 febbraio 2018, 20:20
da wilpu
Buongiorno a tutti,

Apro questo nuovo argomento perché dopo parecchio tempo ho iniziato la costruzione di un plastico modulare digitale e avrei bisgono del vostro aiuto per la parte cablaggi. Intanto vi allego uno schema dell'impianto, precisando che rispetto al progetto inziale ho apportato alcune piccole modifiche:
- I due scambi a sx dell'impianto sono stati sostituiti con un inglese triplo;
- Ovviamente non ci sono scambi a cavallo dei moduli e il tronchino in basso si arresta prima del bordo del secondo modulo

Immagine

Ora passo alla descrizione dell'impianto e delle mie esigenze:

1) Si tratta di un impianto modulare smontabile, previsto per essere trasportabile ed esposto almeno una volta all'anno;
2) In futuro ci sará una coulisse (stazione nascosta) e forse anche un cappio di ritorno, ma al momento mi concentro solo sui quattro moduli esposti;
3) Il tema é una stazione francese realmente esistita, oggi in disuso, ma la cosa ha poca importanza per il momento;
4) I moduli sono di dimensione standard (60x120cm), posizionati ad un'altezza di 130cm dal suolo;
5) I binari e gli scambi sono tutti PECO codice 75;
6) Gli scambi sono movimentati con servo e decoder DCCWdec01 (servo);
7) La centrale é la Claudia CS+Multimauss;
8) Vorrei prevedere fin da subito il controllo digitale del plastico con moduli Loconet e controllo via PC (Rocrail o JMRI).

Vi posto anche un'immagine del plastico in construzione, al momento i binari sono posati ma non sono fissati e il cablaggio é in corso.

Immagine

Re: Plastico modulare in digitale (serve aiuto)

Inviato: lunedì 19 febbraio 2018, 20:31
da wilpu
Vengo ora alla parte cablaggi e le difficoltá che sto incontrando nella progettazione dell'impianto. Prima di tutto, preciso che le mie conoscenze nel digitale sono alquanto ridotte, finora non ho mai realizzato un vero impianto digitale e le poche prove che ho realizzato con la Claudia CS si limitano all'ovale sul tavolo per testare i vari collegamenti e quant'altro. Detto questo, avrei bisogno del vostro aiuto per capire come procedere nei cablaggi sulla base delle esigenze prima esposte. In particolare vorrei avere il vostro consiglio sui seguenti punti:

1) Per far sí che ogni modulo sia indipendente e trasportabile, pensavo di realizzare un bus DCC lungo il plastico con connessioni verso ogni modulo o in alternativa accoppiare i primi due moduli e i secondi due;
2) Il bus DCC alimenta i moduli di retroazione e il decoder/i decoder per gli scambi, ma vorrei evitare di avere un modulo S4/S8 per ogni modulo. In caso pensavo di prevedere un modulo S8 per i due moduli a sx e un S4 per i due a dx, cosa ne pensate?
3) Per le connessioni del bus DCC da modulo a modulo, cosa mi consigliate come prese (XLR, DIN, jack ?). Ho letto anche da qualche parte che i cavi andrebbero intrecciati per evitare disturbi, ma non so come fare e se questo valga anche per il locontet.

Altri consigli in generale sul cablaggio del mio plastico?

Grazie mille

Federico

Re: Plastico modulare in digitale (serve aiuto)

Inviato: lunedì 19 febbraio 2018, 20:35
da wilpu
Infine per il segnalamento non penso questo influisca nei cablaggi in digitale giusto? La stazione é protetta da segnali luminosi alle due estremitá, e a sx ci sará anche un passaggio a livello che pensavo di controllare indipendentemente tramite relé.

Re: Plastico modulare in digitale (serve aiuto)

Inviato: martedì 20 febbraio 2018, 0:31
da docdelburg
Hai posto un certo numero di problemi ma, a mio avviso, prima di iniziare a discutere, credo manchi un elemento essenziale.
Parli di retroazione con moduli S4 e S8 quindi con tutta probabilità vorrai fare un esercizio con degli automatismi o comunque con un'assistenza da pc che ti garantisca una sicurezza di esercizio. Questo implica la definizione precisa di quali sezioni eseguire per ottenere le tratte soggette a sensore per far funzionare al meglio gli automatismi da pc.
Dovresti quindi descrivere con una certa precisione l'esercizio che intendi fare. Cioè una loco che proviene dai moduli periferici dove va e dove deve fermarsi? E poi riparte verso dove, con quale alternanza rispetto ad altri convogli?
Ecco, se impegni ancora un attimo si potrà avere un quadro più preciso e definire le tratte sezionate e relativi cablaggi.

Re: Plastico modulare in digitale (serve aiuto)

Inviato: martedì 20 febbraio 2018, 0:42
da Buddace

Re: Plastico modulare in digitale (serve aiuto)

Inviato: martedì 20 febbraio 2018, 0:47
da wilpu
Grazie, hai perfettamente ragione, cerco di spiegarmi meglio con il disegno qui sotto. In termini di esercizio é abbastanza semplice, i convogli (lunghezza max 1 locomotiva+4 carrozze) possono arrivare da entrambi i lati e devono incrociarsi in stazione, oppurre nel caso di automotrici fare avanti e indietro. I tronchini servono invece per le manovre di carri (ma queste possono essere fatte in manuale).Ho anche selezionato le tratte ipotetiche per un eventuale esercizio, infatti all'inizio pensavo che un solo modulo S8 sarebbe stato sufficiente visto il numero di tratte (7), ma poi mi sono accorto che in termini di cablaggio, per un impianto modulare, la cosa presentava non pochi problemi (anche perché il tutto é lungo 4,80 metri). Per questo volevo capire se era meglio prevedere delle tratte piú corte all'interno di ogni modulo.

Immagine

Re: Plastico modulare in digitale (serve aiuto)

Inviato: martedì 20 febbraio 2018, 0:48
da wilpu
Grazie mille Nuccio per il file, adesso me lo studio con calma.

Re: Plastico modulare in digitale (serve aiuto)

Inviato: martedì 20 febbraio 2018, 1:21
da wilpu
Mi intereserebbe anche la scheda tecnica spine di allineamento scritta da docdelburg se possibile. Grazie

Re: Plastico modulare in digitale (serve aiuto)

Inviato: martedì 20 febbraio 2018, 13:52
da docdelburg
Bene, comincerei con queste considerazioni per inquadrare la situazione in generale:
1) più corta è la distanza tra modulo sensore (S4, S8....) e tratta sezionata e meglio è. Ne consegue che sarebbe preferibile un modulo sensore per ogni unità del tuo modulare contrariamente ai tuoi desideri. C'è il rischio che con fili elettrici lunghi, specie se interrotti da connessioni tra moduli, ci siano una serie di errori con falsi positivi e negativi.
2) nei due binari di incrocio ci dovrebbero essere 3 sezioni per binario, quindi 6 sensori solo per i due binari di incrocio e ti spiego perchè: ogni binario dovrebbe avere una prima sezione "enter", una sezione centrale "short-in" (o "enter-2-in") e una finale "in". In questo modo i convogli avrebbero modo di rallentare in entrata e fermarsi a fine binario mentre le automotrici si fermeranno al centro del binario, in corrispondenza dello "short-in" con maggiore realismo.
3) ci vorrebbero dei sensori anche nei tronchini, almeno uno per binario, in modo da renderli utilizzabili in ogni caso anche dall'automatismo del pc.
4) ci vorrebbe un sensore esterno ai lati della stazione per creare un blocco intermedio tra stazione e coulisse o cappio che serva sia da primo rallentamento ai convogli che impegneranno i deviatoi della stazione sia per fermare in coulisse i convogli se la stazione non è in grado di ricevere ulteriori rotabili.
Continua..... :)

Re: Plastico modulare in digitale (serve aiuto)

Inviato: martedì 20 febbraio 2018, 21:07
da docdelburg
wilpu ha scritto:Mi intereserebbe anche la scheda tecnica spine di allineamento scritta da docdelburg se possibile. Grazie



https://www.dropbox.com/s/2bg40pu2kuziq ... .docx?dl=0

Re: Plastico modulare in digitale (serve aiuto)

Inviato: martedì 20 febbraio 2018, 21:23
da docdelburg
Riprendendo il discorso dei due binari di incrocio.... suggerivo di impostare tre tratte sezionate per ogni binario, così suddivise:
1) un tratto centrale, dove dovrebbero in teoria fermarsi le automotrici, connotato come "enter2shortin" e due brevi tratti verso i deviatoi, che a seconda della direzione di marcia siano connotati come "enter" e "in".
2) un convoglio entra in uno dei binari e all'attivazione dell'"enter" inizia a rallentare fino a fermarsi all'"in" o allo "enter2shortin". Per un rallentamento progressivo e realistico ti rimando a questa soluzione:
viewtopic.php?t=9183

Re: Plastico modulare in digitale (serve aiuto)

Inviato: martedì 20 febbraio 2018, 21:54
da Buddace
Peccato l'ambientazione francese sarebbe stata un ottima stazione per cv19 :D

Re: Plastico modulare in digitale (serve aiuto)

Inviato: martedì 20 febbraio 2018, 22:53
da wilpu
Grazie mille ragazzi per le ottime dritte, devo studiarmi la cosa con calma e progettare di nuovo le tratte dei binari.

@Nuccio, dovrai prevedere una sezione CV19 internazionale in futuro 8)

Re: Plastico modulare in digitale (serve aiuto)

Inviato: mercoledì 21 febbraio 2018, 22:05
da wilpu
Salve amici,

Tenuto conto delle preziose indicazioni fornitemi e considerando anche la separazione tra i moduli sarei arrivato a questa soluzione, se vi sembra corretta. In pratica:
1) Nel modulo a sx (modulo 1), ci sarebbero 5 tratte in totale, quella di ingresso in stazione, due nei binari di incrocio e i due tronchini nel tratto iniziale);
2) Nel secondo modulo quattro tratte, due per i binari di incrocio e due per i tronchini;
3) Nel terzo modulo solo due tratte per i binari di incrocio;
4) Nel quarto modulo a dx, due tratte nei binari di incrocio e una in ingresso/uscita dalla stazione.

Ho anche indicato con due cerchi neri la posizione dei segnali (nel caso influisca) e il passaggio a livello (PL), che cmq prevedevo di controllare tramite relé.

Mi rendo conto che invece di tre tratte, i binari di incrocio ne avrebbero cosí quattro, per via della separazione centrale tra i moduli. In questo caso le automotrici potrebbero fermarsi al limite tra le due tratte o nella metá del modulo di stazione (modulo 3). Cosa ve ne pare?

Grazie mille per il vostro aiuto

Federico

Immagine

Re: Plastico modulare in digitale (serve aiuto)

Inviato: domenica 25 febbraio 2018, 0:12
da wilpu
Nuccio, ti ho mandato una mail. Grazie!