Invertitore di polarità

L'angolo degli smanettoni .Discussioni inerenti lo sviluppo di nuovi progetti DCC o l'hack di sistemi commerciali.

Moderatori: Luca.Rubini, Seba55

Messaggio
Autore
tino
DCCReady
Messaggi: 16
Età: 42
Iscritto il: martedì 31 marzo 2009, 0:40
Scala: H0
Ho il plastico: Si
La mia centrale digitale.: SilviaCS Roco-Multimouse
Località: Omegna
Contatta:

Invertitore di polarità

#1 Messaggioda tino » venerdì 11 maggio 2018, 0:34

Buongiorno a tutti.
Con mio padre stiamo costruendo un plastico di discrete dimensioni (ca. 50 mq).
Per motivi di movimentazione ho diversi "corto" nei tracciati: ad esempio ho un triangolo a ridosso di una stazione nascosta, un'altra stazione nascosta fatta a "cappio" con 4 binari, ....
Insomma, ho la necessità di ribaltare la tensione di alcune tratte prima che il treno si metta sul corretto tracciato.

Su consiglio di qualcuno ho trovato e prodotto una schedina detta "alla francese" in cui delle sezioni "piuttosto brevi" venivano utilizzate come "pedale" di rilevamento del treno.Di fatto non l'ho mai usato sia per un discorso di sezionamenti (aggiungere altri tratti sezionati ad alcune tratte già fatte è una scocciatura), sia per un problema di tratte sezionate (metto gli scambi con electrofrog, poi metto dei pedali isolati?).

Ho pensato quindi ad un progettino fatto in casa (vista la mia dimestichezza con l'informatica più che con l'elettronica) con un arduino pilotato da 4 sensori IR (uno prima di entrare nel blocco da invertire e uno prima di uscire, x 2 visto che può essere usato sia entrando da una parte che dall'altra) che pilota un doppio relè bistabile che uso per alimentare (polarizzandolo di volta in volta) l'S2 che poi mi gestirà la tratta.
Come sensori ho acquistato i classici da arduino (questi https://www.amazon.it/ostacolo-infraros ... +Ir+Sensor ), ma quando passo vicino al sensore i risultati sono sempre piuttosto lenti e inaffidabili. Come mai ?
Qualcuno ha già fatto prove con una configurazione simile o a altro da consigliare per rilevare il treno ed invertire la polarità della tratta a prezzi economici ? (considerate che devo replicare il rilevatore almeno una dozzina di volte...).

Grazie a chiunque voglia aiutarmi,
buona serata,
Tino.

p48308
PlasticoDigitale
Messaggi: 884
Età: 52
Iscritto il: sabato 4 febbraio 2006, 14:46
Scala: H0
Ho il plastico: No
La mia centrale digitale.: multimause-ibcom-Ccs-Nuccen_Wairulesssssssss
Località: Modena

Re: Invertitore di polarità

#2 Messaggioda p48308 » venerdì 11 maggio 2018, 12:42

ciao, visto che la costruzione del plastico sara importante quindi realizzabile in un lungo periodo ti consiglio di non usare un sistema di gestione di questi movimenti da un sistema informatico ma bensi da sistemi fisici come quello del francese che sono funzionalita on off indipendenti e consolidati , i deviatoi che siano tallonabili e se non lo sono in caso di uscita dal loop si trovi in posizione errata ti ritrovi il convoglio probabilmente giu di assetto ,
i rilevatori di posizione sei obbligato ad usarne molti se intendi sapere dove sono convogli e il fatto di dover sezionare il tracciato e di fatto un obbligo , inoltre devi anche creare distretti di alimentazione del tracciato con i relativi booster per evitare blocchi di tutto il sistema

paolo
Il computer non e' una macchina intelligente che aiuta le persone stupide, anzi e' una macchina stupida che funziona solo nelle mani delle persone intelligenti
La misura dell^intelligenza è data dalla capacità  di cambiare quando è necessario

mario54i
PlasticoDigitale
Messaggi: 364
Iscritto il: sabato 18 giugno 2005, 20:23

Re: Invertitore di polarità

#3 Messaggioda mario54i » domenica 13 maggio 2018, 12:49

Attenzione che quei sensori non vedono le locomotive nere
ciao

Mario

tino
DCCReady
Messaggi: 16
Età: 42
Iscritto il: martedì 31 marzo 2009, 0:40
Scala: H0
Ho il plastico: Si
La mia centrale digitale.: SilviaCS Roco-Multimouse
Località: Omegna
Contatta:

Re: Invertitore di polarità

#4 Messaggioda tino » martedì 15 maggio 2018, 14:30

Grazie per le risposte.
A Paolo: L'idea dell'invertitore di tensione "casalingo" nasce proprio dall'idea di non legare il funzionamento del plastico all'utilizzo del PC (altrimenti avrei potuto pilotare il relè con un decoder e metterlo nelle azioni delle varie rotte (almeno, in linea teorica...).
Deviatoi tallonabili non li voglio perchè mi serve, per un motivo di circolazione di alcuni rotabili un po' ostici, l'elettrofrog, di rilevatori di posizione ne sto seminando "parecchi" :)

Concordo con Mario che i sensori "a riflesso" potrebbero creare problemi, ho trovato su internet un progettino per fare la classica "barriera".
Lo provo e vi aggiorno.

Grazie a tutti,
Tino.

mario54i
PlasticoDigitale
Messaggi: 364
Iscritto il: sabato 18 giugno 2005, 20:23

Re: Invertitore di polarità

#5 Messaggioda mario54i » martedì 15 maggio 2018, 18:52

Puoi riutilizzare quei sensori staccando il LED e rimontandolo dall'altra parte del binario. Si inverte la logica.

tino
DCCReady
Messaggi: 16
Età: 42
Iscritto il: martedì 31 marzo 2009, 0:40
Scala: H0
Ho il plastico: Si
La mia centrale digitale.: SilviaCS Roco-Multimouse
Località: Omegna
Contatta:

Re: Invertitore di polarità

#6 Messaggioda tino » martedì 15 maggio 2018, 18:54

L'ho fatto, ma evidentemente il sensore fa un po' "pena", facendo un analog read dall'arduino leggo dei valori che dipendono dall'esposizione alla luce solare e non dal fatto che passi o meno la luce....

p48308
PlasticoDigitale
Messaggi: 884
Età: 52
Iscritto il: sabato 4 febbraio 2006, 14:46
Scala: H0
Ho il plastico: No
La mia centrale digitale.: multimause-ibcom-Ccs-Nuccen_Wairulesssssssss
Località: Modena

Re: Invertitore di polarità

#7 Messaggioda p48308 » martedì 15 maggio 2018, 21:01

ciao, i deviatoi tallonabili ti possono salvare da situazioni di sviamento modelli , che per evitare questo ti dovresti fare ifeedback fisici meccanici sulla relativa posizione degli agli dei deviatoi che ti dicano dove sono realmente , direi una cosa allucinante , inoltre usando gli elettrofrog devi per forza polarizzare il cuore del deviatoi pena eventuale blocco o altro della loko , altro cerca di usare sistemi di rilevamento semplici eviterai molte rotture di scatole

paolo
Il computer non e' una macchina intelligente che aiuta le persone stupide, anzi e' una macchina stupida che funziona solo nelle mani delle persone intelligenti
La misura dell^intelligenza è data dalla capacità  di cambiare quando è necessario


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti