Decoder "sonoro" DCCWdec03

I nostri kit frutto della nostra decennale esperienza [Aperto]

Moderatori: Luca.Rubini, Seba55, peppardo

Messaggio
Autore
Avatar utente
Buddace
Site Admin
Messaggi: 16059
Età: 42
Iscritto il: lunedì 2 febbraio 2004, 17:25
Scala: H0
Ho il plastico: Si
La mia centrale digitale.: TMWDCC TBX zDCC Lokmaus2 HornbySelect Arnold Intellibox Claudia_CommandStation
Località: Torino
Contatta:

Re: Decoder "sonoro" DCCWdec03

#16 Messaggioda Buddace » venerdì 12 febbraio 2021, 11:52

Fidax ha scritto:Io ho parlato genericamente di AVR, e AVR ha i propri IDE senza mettere in mezzo Arduino.
Ma leggendo in giro, in Italia si usa prevalentemente PIC, quindi un po' lo capisco.

La cosa mooolto comoda di Arduino, a discapito dell'ottimizzazione, è la portabilità del codice: lo stesso firmware lo uso su 5 decoder dcc, ed essendo Informatico, se mi manca una libreria me la scrivo (dovrei rilasciare fra un po' una permette di usare l'interfaccia SUSI con Arduino).
Infatti tutti i mie progetti sono pesantemente ottimizzati per quello che devono fare senza la necessità dibtrascinarsi l'inutile carrozxone di Arduino

Inviato dal mio INE-LX1 utilizzando Tapatalk
Fondatore e amministratore di DCCWorld

http://www.DCCWorld.com - il sito dedicato interamente ai sistemi di controllo digitale per il modellismo ferroviario.

Avatar utente
Buddace
Site Admin
Messaggi: 16059
Età: 42
Iscritto il: lunedì 2 febbraio 2004, 17:25
Scala: H0
Ho il plastico: Si
La mia centrale digitale.: TMWDCC TBX zDCC Lokmaus2 HornbySelect Arnold Intellibox Claudia_CommandStation
Località: Torino
Contatta:

Re: Decoder "sonoro" DCCWdec03

#17 Messaggioda Buddace » venerdì 12 febbraio 2021, 11:52

Fidax ha scritto:Coomunque il mio intervento era legato al solo modulo sonoro in sè, non alla logica che lo pilota


Inviato dal mio INE-LX1 utilizzando Tapatalk
Fondatore e amministratore di DCCWorld

http://www.DCCWorld.com - il sito dedicato interamente ai sistemi di controllo digitale per il modellismo ferroviario.

Fidax
PlasticoDigitale
Messaggi: 138
Età: 23
Iscritto il: martedì 20 febbraio 2018, 9:03
Scala: H0
Ho il plastico: No
La mia centrale digitale.: Marklin Mobile Station 1
Località: Torino

Re: Decoder

#18 Messaggioda Fidax » venerdì 12 febbraio 2021, 12:03

Buddace ha scritto:
Fidax ha scritto:Io ho parlato genericamente di AVR, e AVR ha i propri IDE senza mettere in mezzo Arduino.
Ma leggendo in giro, in Italia si usa prevalentemente PIC, quindi un po' lo capisco.

La cosa mooolto comoda di Arduino, a discapito dell'ottimizzazione, è la portabilità del codice: lo stesso firmware lo uso su 5 decoder dcc, ed essendo Informatico, se mi manca una libreria me la scrivo (dovrei rilasciare fra un po' una permette di usare l'interfaccia SUSI con Arduino).
Infatti tutti i mie progetti sono pesantemente ottimizzati per quello che devono fare senza la necessità dibtrascinarsi l'inutile carrozxone di Arduino

Inviato dal mio INE-LX1 utilizzando Tapatalk


I LokSound v3.5 montavano un Atmega32, ovvio il codice era scritto senza "il carrozzone di Arduino" me se una ditta come la ESU monta(va) gli AVR non li reputerei così male a prescindere; oggi, per ovvie ragioni, i decoder Esu montano chip ARM.
Luca Fidanza, "The Fidax"
Conversioni AC, Unboxing e Progetti: https://www.youtube.com/c/The_Fidax

Avatar utente
Buddace
Site Admin
Messaggi: 16059
Età: 42
Iscritto il: lunedì 2 febbraio 2004, 17:25
Scala: H0
Ho il plastico: Si
La mia centrale digitale.: TMWDCC TBX zDCC Lokmaus2 HornbySelect Arnold Intellibox Claudia_CommandStation
Località: Torino
Contatta:

Re: Decoder

#19 Messaggioda Buddace » venerdì 12 febbraio 2021, 12:05

Fidax ha scritto:
Buddace ha scritto:
Fidax ha scritto:Io ho parlato genericamente di AVR, e AVR ha i propri IDE senza mettere in mezzo Arduino.
Ma leggendo in giro, in Italia si usa prevalentemente PIC, quindi un po' lo capisco.

La cosa mooolto comoda di Arduino, a discapito dell'ottimizzazione, è la portabilità del codice: lo stesso firmware lo uso su 5 decoder dcc, ed essendo Informatico, se mi manca una libreria me la scrivo (dovrei rilasciare fra un po' una permette di usare l'interfaccia SUSI con Arduino).
Infatti tutti i mie progetti sono pesantemente ottimizzati per quello che devono fare senza la necessità dibtrascinarsi l'inutile carrozxone di Arduino

Inviato dal mio INE-LX1 utilizzando Tapatalk


I LokSound v3.5 montavano un Atmega32, ovvio il codice era scritto senza "il carrozzone di Arduino" me se una ditta come la ESU monta(va) gli AVR non li reputerei così male a prescindere; oggi, per ovvie ragioni, i decoder Esu montano chip ARM.
Il problema ovviamente non sono i chip, cmq lavoro qui http://www.bitron.net/ vuoi la lista dei chip che usiamo?

Inviato dal mio INE-LX1 utilizzando Tapatalk
Fondatore e amministratore di DCCWorld

http://www.DCCWorld.com - il sito dedicato interamente ai sistemi di controllo digitale per il modellismo ferroviario.

antogar
PlasticoDigitale
Messaggi: 552
Iscritto il: venerdì 17 marzo 2006, 16:37
Scala: H0
Ho il plastico: Si
La mia centrale digitale.: Analogico
Località: NA

Re: Decoder

#20 Messaggioda antogar » venerdì 12 febbraio 2021, 12:10

Buddace ha scritto:
antogar ha scritto:
Fidax ha scritto:Se usi AVR la libreria per lui è la stessa del JQ8400.


Fidax, qui Arduino è la come criptonite per Superman...
Prova ad andare da Cannavacciuolo e chiedigli di cucinare con i 4 salti in padella... Secondo me finisce a ceffoni

Inviato dal mio INE-LX1 utilizzando Tapatalk


Aeeeee, accumminciàmm n'ata vota ???? :D :D :D :D :D
MA quando ci vediamo e ne arliamo da vicino ??? se sbloccano il movimento fra regioni, vengo apposta al prossimo incontro FREMO

Fidax
PlasticoDigitale
Messaggi: 138
Età: 23
Iscritto il: martedì 20 febbraio 2018, 9:03
Scala: H0
Ho il plastico: No
La mia centrale digitale.: Marklin Mobile Station 1
Località: Torino

Re: Decoder "sonoro" DCCWdec03

#21 Messaggioda Fidax » venerdì 12 febbraio 2021, 12:11

Buddace non metto in dubbio le tue competenze, seguo i tuoi progetti con molta ammirazione.
Volevo solo cercare di capire il perchè di questo accanimento verso un ecosistema che sta venendo sempre più usato anche nel modellismo.
Alla fine, una scheda Arduno offre 16MIPS, per applicazioni standard vanno bene, puoi passare agli Atxmega con incremento fino a 32MIPS, oppure a chip più rcenti (Atmega328PB per esempio) che roggono i 20MIPS.
Dalle pagine della Microchip, parlando di PIC a 8bit, per raggiungere i 16MIPS devono lavorare a frequenze più alte a causa dell'architettura completamente diversa che non permette di avere un'istruzione a singolo ciclo di clok come per gli AVR.
Luca Fidanza, "The Fidax"
Conversioni AC, Unboxing e Progetti: https://www.youtube.com/c/The_Fidax

Avatar utente
Buddace
Site Admin
Messaggi: 16059
Età: 42
Iscritto il: lunedì 2 febbraio 2004, 17:25
Scala: H0
Ho il plastico: Si
La mia centrale digitale.: TMWDCC TBX zDCC Lokmaus2 HornbySelect Arnold Intellibox Claudia_CommandStation
Località: Torino
Contatta:

Re: Decoder "sonoro" DCCWdec03

#22 Messaggioda Buddace » venerdì 12 febbraio 2021, 12:16

Fidax ha scritto:Buddace non metto in dubbio le tue competenze, seguo i tuoi progetti con molta ammirazione.
Volevo solo cercare di capire il perchè di questo accanimento verso un ecosistema che sta venendo sempre più usato anche nel modellismo.
Alla fine, una scheda Arduno offre 16MIPS, per applicazioni standard vanno bene, puoi passare agli Atxmega con incremento fino a 32MIPS, oppure a chip più rcenti (Atmega328PB per esempio) che roggono i 20MIPS.
Dalle pagine della Microchip, parlando di PIC a 8bit, per raggiungere i 16MIPS devono lavorare a frequenze più alte a causa dell'architettura completamente diversa che non permette di avere un'istruzione a singolo ciclo di clok come per gli AVR.
Di persona davanti ad una birra

Inviato dal mio INE-LX1 utilizzando Tapatalk
Fondatore e amministratore di DCCWorld

http://www.DCCWorld.com - il sito dedicato interamente ai sistemi di controllo digitale per il modellismo ferroviario.

antogar
PlasticoDigitale
Messaggi: 552
Iscritto il: venerdì 17 marzo 2006, 16:37
Scala: H0
Ho il plastico: Si
La mia centrale digitale.: Analogico
Località: NA

Re: Decoder "sonoro" DCCWdec03

#23 Messaggioda antogar » venerdì 12 febbraio 2021, 12:36

Fidax ha scritto:Buddace non metto in dubbio le tue competenze, seguo i tuoi progetti con molta ammirazione.
Volevo solo cercare di capire il perchè di questo accanimento verso un ecosistema che sta venendo sempre più usato anche nel modellismo.
Alla fine, una scheda Arduno offre 16MIPS, per applicazioni standard vanno bene, puoi passare agli Atxmega con incremento fino a 32MIPS, oppure a chip più rcenti (Atmega328PB per esempio) che roggono i 20MIPS.
Dalle pagine della Microchip, parlando di PIC a 8bit, per raggiungere i 16MIPS devono lavorare a frequenze più alte a causa dell'architettura completamente diversa che non permette di avere un'istruzione a singolo ciclo di clok come per gli AVR.


Fidax, è più facile che Berlusconi si iscriva al partito comunista-lenitsta...
E comunque alla birra ci devo essere anche io!

Fidax
PlasticoDigitale
Messaggi: 138
Età: 23
Iscritto il: martedì 20 febbraio 2018, 9:03
Scala: H0
Ho il plastico: No
La mia centrale digitale.: Marklin Mobile Station 1
Località: Torino

Re: Decoder "sonoro" DCCWdec03

#24 Messaggioda Fidax » venerdì 12 febbraio 2021, 14:24

Siamo tutti e 3 a Torino? :D
Luca Fidanza, "The Fidax"
Conversioni AC, Unboxing e Progetti: https://www.youtube.com/c/The_Fidax

antogar
PlasticoDigitale
Messaggi: 552
Iscritto il: venerdì 17 marzo 2006, 16:37
Scala: H0
Ho il plastico: Si
La mia centrale digitale.: Analogico
Località: NA

Re: Decoder "sonoro" DCCWdec03

#25 Messaggioda antogar » venerdì 12 febbraio 2021, 17:20

Fidax ha scritto:Siamo tutti e 3 a Torino? :D

ehhhh... a me mancanno 900km circa :doh:


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite