Misteri DCC++

L'angolo degli smanettoni .Discussioni inerenti lo sviluppo di nuovi progetti DCC o l'hack di sistemi commerciali.

Moderatore: Seba55

Messaggio
Autore
gtakanis
DCCReady
Messaggi: 10
Iscritto il: venerdì 1 dicembre 2023, 9:38
Scala: H0
Ho il plastico: Si
La mia centrale digitale.: DCC++

Misteri DCC++

#1 Messaggioda gtakanis » sabato 2 dicembre 2023, 19:28

Salve a tutti!
Sono nuovo nel forum e anche nuovo nel mondo DCC quindi perdonatemi le domande un po' semplicistiche.

Non sono un vero fermodellista, ma negli anni ho accumulato un certo numero di rotabili H0 sia Marklin che di altre marche. Anni fa acquistai un circuito della Uhlenbrock per sostituire l'invertitore di una venerabile DA800. Funzionava e poco tempo fa ho scoperto che si trattava di un decoder digitale (74120). A questo punto ho acquistato e montato un decoder 76200 su una vecchia CE800 pensando che
forse potevo digitalizzare anche quella. Premetto che le due loco funzionano adesso benissimo in analogico col classico trasformatore AC Marklin e invertono la marcia.

Prima di decidere se attrezzarmi in modo più serio per il digitale ho seguito i tutorial di Luca e ho costruito il controller basato su Arduino, Motor shield, DCC++ e JMRI. Ho quindi
potuto controllare le due loco dal PC, e in particolare ho potuto cambiare CV1 (l'indirizzo).

Le mie domande sono (al momento)
- DCC++ permette di leggere i CV o solo di scriverli? Mi pare che di fatto non li legga perché ho un errore in lettura. E' normale? Ho letto che anche alcuni controller commerciali non li leggono. Trovo la cosa
abbastanza limitante.
- Un decoder multiprotocollo interpreta allo stesso modo i CV se viene fatto funzionare in un impianto DCC o Motorola? Ossia CV3 riguarda comunque l'accelerazione e CV5 la velocità indipendentemente dal protocollo?
- se programmo i CV di un decoder multiprotocollo da una centralina DCC questi poi valgono anche se il decoder è su un impianto Motorola?
- Ho una loco Marklin 36501 che è un modello base digitale, ma con DCC++ non va. E' normale? Pensavo ormai tutti i rotabili moderni fossero mutiprotocollo.

Grazie dell'attenzione
Giovanni

Avatar utente
Fidax
PlasticoDigitale
Messaggi: 234
Età: 26
Iscritto il: martedì 20 febbraio 2018, 9:03
Scala: H0
Ho il plastico: No
La mia centrale digitale.: Marklin Mobile Station 1 e DR5000
Località: Piemonte, Torino
Contatta:

Re: Misteri DCC++

#2 Messaggioda Fidax » domenica 3 dicembre 2023, 11:06

DCC++ permette di leggere i CV o solo di scriverli?

La "centrale" dcc++ permette anche di leggerli, ma devi usare l'uscita del binario di programmazione:
Immagine

Un decoder multiprotocollo interpreta allo stesso modo i CV se viene fatto funzionare in un impianto DCC o Motorola?

Dipende dal decoder, i marklin mLD3 e mSD3 hanno comportamenti diversi, devi leggere i manuali.

se programmo i CV di un decoder multiprotocollo da una centralina DCC questi poi valgono anche se il decoder è su un impianto Motorola?

Vale il punto sopra.

Ho una loco Marklin 36501 che è un modello base digitale, ma con DCC++ non va. E' normale?

Ti basta guarda il manuale della loco https://www.maerklin.de/en/products/det ... ecd8d9120e , nel manuale c'è scritto che supporta anche DCC con indirizzo 3. Tuttavia parla genericamente di CV e non di CV dcc (infatti manca la classica CV29 e la CV1 può avere valore fino a 255...) quindi penso siano programmabili solamente con una Cs o una MS tramite MFX o Motorola , e non DCC
Luca Fidanza, "The Fidax"
Conversioni AC, Unboxing e Progetti: https://www.youtube.com/TheFidax

gtakanis
DCCReady
Messaggi: 10
Iscritto il: venerdì 1 dicembre 2023, 9:38
Scala: H0
Ho il plastico: Si
La mia centrale digitale.: DCC++

Re: Misteri DCC++

#3 Messaggioda gtakanis » domenica 3 dicembre 2023, 13:30

Ti ringrazio della risposta

Mie osservazioni
- penso di avere anche provato anche a usare il binario di programmazione, comunque proverò di nuovo.
- Per quanto riguarda la Marklin 36501 il manuale originale nella scatola non fa cenno a DCC, e nepppure
un'altra copia che ho reperito in rete, ma effettivamente nel link che hai messo tu c'è una copia del manuale dove parla di DCC
- A questo proposito, che significa che la loco ha indirizzo MM = 72 e DCC = 03? L'indirizzo non dovrebbe comunque stare in CV1 e quindi essere unico?
Sicuramente la loco ha 72 come indirizzo MM (ho verificato con un sistema Marklin)
ma lo 03 dove è immagazzinato? La figura a pag. 4 del manuale mostra un commutatore con 4 posizioni indicate da dei pallini. In base alla regola del Marklin Delta gli indirizzi sono (da un pallino
a quattro) 78, 72, 60 e 24. In effetti quindi i due pallini indicano 72 e va bene. Ma il DCC 03 dove sta?

C'è qualcosa di basilare che mi sfugge

Saluti
Giovanni

Avatar utente
Fidax
PlasticoDigitale
Messaggi: 234
Età: 26
Iscritto il: martedì 20 febbraio 2018, 9:03
Scala: H0
Ho il plastico: No
La mia centrale digitale.: Marklin Mobile Station 1 e DR5000
Località: Piemonte, Torino
Contatta:

Re: Misteri DCC++

#4 Messaggioda Fidax » domenica 3 dicembre 2023, 14:06

In dcc l'indirizzo base è 3, come in Motorola è 78.
Da questo capisci che le cv differiscono, la cv1 sotto Motorola ha un valore, e in dcc ne ha un altro.
Se leggi i manuali dei mLD3 scopri tutte le differenze di significato nonostante abbiano lo stesso numero.
È possibile che essendo un decoder basilare abbia indirizzo dcc 3 fisso, non modificabile, non saprei onestamente .
Luca Fidanza, "The Fidax"
Conversioni AC, Unboxing e Progetti: https://www.youtube.com/TheFidax

gtakanis
DCCReady
Messaggi: 10
Iscritto il: venerdì 1 dicembre 2023, 9:38
Scala: H0
Ho il plastico: Si
La mia centrale digitale.: DCC++

Re: Misteri DCC++

#5 Messaggioda gtakanis » domenica 3 dicembre 2023, 18:40

Scusa ma sono duro e continuo a non capire. Vuoi forse dire che se metto la locomotiva su un binario attaccato a una centralina Marklin e vado a leggere CV1 trovo il valore 78 mentre se la attacco a una centralina DCC leggo il valore 3? Ma allora questi due valori corrispondono a locazioni di memoria diverse sul decoder, e il MM ne indirizza una mentre il DCC ne indirizza un'altra? Quindi posso cambiare l'indirizzo DCC lasciando immutato quello MM e viceversa? Quindi in sostanza un decoder multiprotocollo sono in sostanza due decoder (o più) messi in parallelo con un circuito che rileva il protocollo e seleziona quello appropriato, dopo di che ognuno ha il suo insieme di valori di CV. E' così ?
Grazie

Avatar utente
Fidax
PlasticoDigitale
Messaggi: 234
Età: 26
Iscritto il: martedì 20 febbraio 2018, 9:03
Scala: H0
Ho il plastico: No
La mia centrale digitale.: Marklin Mobile Station 1 e DR5000
Località: Piemonte, Torino
Contatta:

Re: Misteri DCC++

#6 Messaggioda Fidax » domenica 3 dicembre 2023, 18:52

Vuoi forse dire che se metto la locomotiva su un binario attaccato a una centralina Marklin e vado a leggere CV1 trovo il valore 78 mentre se la attacco a una centralina DCC leggo il valore 3?


Esattamente (se stai usando la centrale in modalità Motorola! Le Marklkn Ms2 e cs2/3 hanno anche il DCC!).

Leggi il manuale di mLD3 e vedrai che, con lo stesso numero di cv, in base al protocollo avrai significati e valori diversi:
https://www.maerklin.de/en/products/det ... 48d12c4e0a

Ma allora questi due valori corrispondono a locazioni di memoria diverse sul decoder, e il MM ne indirizza una mentre il DCC ne indirizza un'altra?

Non conosco il sorgente del firmware, ma a naso direi proprio di sì. (parliamo sempre di decoder marklin).

Quindi posso cambiare l'indirizzo DCC lasciando immutato quello MM e viceversa?


Nei decoder marklin sì !

Nei decoder ESU invece no, è per vederlo ti basta scaricare il lokprogrammer e vedere come le modifiche si riflettono sulle CV.
Nei decoder esu, la Cv1 contiene l'indirizzo sia DCC che Motorola, infatti se usi un valore superiore al 80, il lokprogrammer (software) ti dirà che il decoder non funzionerà più sotto Motorola (che gestisce da 0 a 80).

Quindi in sostanza un decoder multiprotocollo sono in sostanza due decoder (o più) messi in parallelo con un circuito che rileva il protocollo e seleziona quello appropriato, dopo di che ognuno ha il suo insieme di valori di CV. E' così ?

Dipende da decoder, sui Marklin sì , sugli ESU no.
Ogni decoder ha il suo manuale con il suo comportamento; dipende dal decoder e da come il costruttore ha realizzato il firmware.
Luca Fidanza, "The Fidax"
Conversioni AC, Unboxing e Progetti: https://www.youtube.com/TheFidax

gtakanis
DCCReady
Messaggi: 10
Iscritto il: venerdì 1 dicembre 2023, 9:38
Scala: H0
Ho il plastico: Si
La mia centrale digitale.: DCC++

Re: Misteri DCC++

#7 Messaggioda gtakanis » domenica 3 dicembre 2023, 19:18

Nei decoder esu, la Cv1 contiene l'indirizzo sia DCC che Motorola, infatti se usi un valore superiore al 80, il lokprogrammer (software) ti dirà che il decoder non funzionerà più sotto Motorola (che gestisce da 0 a 80).


Comincio a capire. Su una loco Marklin ho montato un decoder Uhlenbrock. Dalla centrale DCC++ ho impostato CV1 a 78 e questo valore viene riconosciuto anche da un vecchio controllore Marklin Delta. Devo dire però che le istruzioni del decoder non sono molto chiare.

Avatar utente
Fidax
PlasticoDigitale
Messaggi: 234
Età: 26
Iscritto il: martedì 20 febbraio 2018, 9:03
Scala: H0
Ho il plastico: No
La mia centrale digitale.: Marklin Mobile Station 1 e DR5000
Località: Piemonte, Torino
Contatta:

Re: Misteri DCC++

#8 Messaggioda Fidax » domenica 3 dicembre 2023, 19:58

Devo dire però che le istruzioni del decoder non sono molto chiare

Purtroppo io uso solo decoder Esu o Marklin (di cui possiedo i programmatori), quindi posso riportarti solo esperienze e info su questi due
Luca Fidanza, "The Fidax"
Conversioni AC, Unboxing e Progetti: https://www.youtube.com/TheFidax

gtakanis
DCCReady
Messaggi: 10
Iscritto il: venerdì 1 dicembre 2023, 9:38
Scala: H0
Ho il plastico: Si
La mia centrale digitale.: DCC++

Re: Misteri DCC++

#9 Messaggioda gtakanis » domenica 3 dicembre 2023, 22:05

Ok col binario di programmazione leggo correttamente i due decoder Uhlenbrock. Niente da fare invece per la lettura della Marklin 36501 col DCC++. Probabilmente la mia è una vecchia versione non compatibile DCC, come testimonierebbe il manuale nella confezione che non ne parla. Adesso comunque posso usare le tre locomotive con la mia vecchia stazione Delta 6604!

Grazie Luca per le spiegazioni

gtakanis
DCCReady
Messaggi: 10
Iscritto il: venerdì 1 dicembre 2023, 9:38
Scala: H0
Ho il plastico: Si
La mia centrale digitale.: DCC++

Re: Misteri DCC++

#10 Messaggioda gtakanis » domenica 3 dicembre 2023, 22:40

Ultima domanda: se volessi sostituire il decoder della 36501 con uno DCC cosa mi suggerisci?

Avatar utente
Fidax
PlasticoDigitale
Messaggi: 234
Età: 26
Iscritto il: martedì 20 febbraio 2018, 9:03
Scala: H0
Ho il plastico: No
La mia centrale digitale.: Marklin Mobile Station 1 e DR5000
Località: Piemonte, Torino
Contatta:

Re: Misteri DCC++

#11 Messaggioda Fidax » domenica 3 dicembre 2023, 23:17

Così su due piedi posso solo suggerirti per comodità di usare un decoder che già conosci o di cui possiedi il programmatore, così da standardizzare il più possibile il parco decoder.
Poi dovresti vedere lo spazio disponibile, se lo vuoi sonoro, se vuoi con i fili o con un connettore così da poter fare upgrade in futuro etc etc
Luca Fidanza, "The Fidax"
Conversioni AC, Unboxing e Progetti: https://www.youtube.com/TheFidax

gtakanis
DCCReady
Messaggi: 10
Iscritto il: venerdì 1 dicembre 2023, 9:38
Scala: H0
Ho il plastico: Si
La mia centrale digitale.: DCC++

Re: Misteri DCC++

#12 Messaggioda gtakanis » lunedì 4 dicembre 2023, 0:23

Così su due piedi posso solo suggerirti per comodità di usare un decoder che già conosci o di cui possiedi il programmatore, così da standardizzare il più possibile il parco decoder.

Io vorrei fare la cosa seguente. Standardizzare il parco locomotive con DCC, comprese le loco Marklin (di cui le due modificate già sono compatibili DCC).
Acquistare una stazione Roco Intellimaus Z21 e usare quella per controllare due piccoli plastici, uno a tre rotaie e uno a due. Se ho capito bene con l'Intellimaus posso programmare tutti i decoder DCC e comunque posso sempre ricorrere a DCC++ con Arduino come adesso.
E' una cosa sensata?

Avatar utente
Fidax
PlasticoDigitale
Messaggi: 234
Età: 26
Iscritto il: martedì 20 febbraio 2018, 9:03
Scala: H0
Ho il plastico: No
La mia centrale digitale.: Marklin Mobile Station 1 e DR5000
Località: Piemonte, Torino
Contatta:

Re: Misteri DCC++

#13 Messaggioda Fidax » lunedì 4 dicembre 2023, 7:59

Aggiornare i vecchi decoder Motorola al DCC ha sicuramente senso! Sullo standardizzare io mi riferivo al tipo di decoder, di avere il più possibile decoder dello stesso produttore così da conoscerne meglio il funzionamento e in base alle esigenze valutare l'acquisto del programmatore ad essi dedicato.
Sulla centrale non mi esprimo in quando posseggo solamente una Dr5000 (e una vecchia marklin ms1) che comando da pc.
Alla fine ricordiamoci sempre che alla centrale e al decoder non importa se l'alimentazione arriva da 2 o 3 rotaie, basta che dentale e decoder dialoghino con lo stesso protocollo.
Luca Fidanza, "The Fidax"
Conversioni AC, Unboxing e Progetti: https://www.youtube.com/TheFidax

gtakanis
DCCReady
Messaggi: 10
Iscritto il: venerdì 1 dicembre 2023, 9:38
Scala: H0
Ho il plastico: Si
La mia centrale digitale.: DCC++

Re: Misteri DCC++

#14 Messaggioda gtakanis » lunedì 4 dicembre 2023, 16:51

Aggiornare i vecchi decoder Motorola al DCC ha sicuramente senso! Sullo standardizzare io mi riferivo al tipo di decoder, di avere il più possibile decoder dello stesso produttore così da conoscerne meglio il funzionamento e in base alle esigenze valutare l'acquisto del programmatore ad essi dedicato.


Scusa, ma nella mia ignoranza pensavo che il mio DCC++ e JIMRI con Arduino fosse già in grado di programmare qualunque decoder DCC. Forse ti riferisci alla praticità d'uso?
Saluti

Avatar utente
Fidax
PlasticoDigitale
Messaggi: 234
Età: 26
Iscritto il: martedì 20 febbraio 2018, 9:03
Scala: H0
Ho il plastico: No
La mia centrale digitale.: Marklin Mobile Station 1 e DR5000
Località: Piemonte, Torino
Contatta:

Re: Misteri DCC++

#15 Messaggioda Fidax » lunedì 4 dicembre 2023, 17:09

Mi riferisco alla facilità d'uso ma soprattutto agli aggiornamenti firmware e al caricamento dei suoni.
Se i suoni sono molto personali, ho visto decoder migliorare sensibilmente il loro comportamento dinamico con i firmware più recenti (nello specifico parlo dei lokpilot v5 durante i primi mesi dalla loro commercializzazione).
Alcuni invece, come i marklin, hanno aggiunte più o meno interessante con l'aggiornamento firmware anche ad anni dalla loro messa in commercio (maggiore controllo della Susi, opzioni dcc più evolute, etc).
Luca Fidanza, "The Fidax"
Conversioni AC, Unboxing e Progetti: https://www.youtube.com/TheFidax


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti