Ricevitore Wireless - Centralina zDCC Bye Carlo Zamboni
Copyright
Il seguente progetto (hardware & software) può essere realizzato liberamente, ma non può essere commercializzato in nessun modo, salvo diversa indicazione da parte dell'ideatore. Per ulteriori informazioni utilizzate il seguente indirizzo e-mail info@dccworld.com
 
Premessa sul progetto
Il seguente progetto fa parte del sistema zDCC. Questo modulo riceve i pacchetti radio trasmessi dai palmari Wireless e dal programmatore. Poi converte il tutto in pacchetti DCC da inviare al booster.
 

Foto Ricevitore Wireless (Prototipo funzionante).
 
Funzionamento Circuito
In questa sua seconda versione, il ricevitore è stato realizzato utilizzando un modulo della AUREL mod AC-RX.
La decodifica del segnale radio e la codifica del segnale DCC per il power booster viene effettuata da un PIC 16F84.
I LED presenti sul ricevitore hanno le seguenti funzioni (non essenziali, ma utili in fase di prova):
  • quello su RB0 (D2)indica se c'è un errore di ricezione; utile per verificare la copertura del trasmettitore/ricevitore ed eventuali errori in fase di sincronizzazione di più trasmettitori.
  • quello su RA4 (D1) ha una funzione di test immediato (anche senza power booster) indicando se il ricevitore decodifica correttamente il segnale di marcia avanti ed indietro.
La lunghezza dell'antenna è da scegliere in base alle proprie esigenze. Un antenna lunga aumenta la portata del ricevitore ma allo stesso tempo aumenta la captazione dei disturbi che potrebbero rallentare i comandi impartiti alle locomotive. Inizialmente conviene provare senza antenna e poi procedere con antenne di lunghezza differente fino a trovare il giusto compromesso.
Se il power booster fornisce al decoder i +5V si può omettere il montaggio dello stabilizzatore (IC2) e di C6 ed eseguire il ponticello P1. Mentre C1 e C2 devono essere da 22 µF 16 V (con lo stabilizzatore) o da 0.1 µF (senza stabilizzatore).
Con una antenna lunga 17 cm si ha una copertura di 15-20m.
 
Il B.O.V.E. di Carlo Zamboni
Il dialogo con il "programmatore" o altre periferiche viene effettuato mediante il protocollo B.O.V.E. Questo ha il compito di fare richiesta di utilizzo del BUS DCC al ricevitore/centralina quando necessario.
Quando una periferica fa una richiesta del BUS DCC (es per la programmazione in corsa) appena possibile la centralina cede il controllo del BUS DCC alla periferica permettendogli l'invio sui binari di pacchetti DCC. Finito questo la periferica rilascia il BUS alla centralina che riprende a inviare sui binari i comandi ricevuti dai palmari wireless. L'intera procedura dura qualche decimo di secondo.
Probabilmente in futuro il medesimo protocollo verrĂ  utilizzato anche per altre funzioni e per la gestione di altre periferiche/moduli.
 
Schema Elettrico
 

Schema Elettrico funzionante
 
Schema di Montaggio
Schema di Montaggio
 
Circuito Stampato
 

Circuito Stampato
 
Elenco componenti
Resistenze
  • R1 = R2 = 1 K 1/4W;
  • R3 = 1K 1/4W;
Condensatori
  • C1 = C2 = (vedi testo) 0.1 uF (disco) oppure 22 uF 16 V (elettrolitici) ;
  • C3 = C4 = 33 pF (disco);
  • C5 = 0.1 uF (ceramico);
  • C6 = (vedi testo) 10uF 16V;
Quarzi
  • Q = quarzo da 8 MHz;
Integrati
  • IC1 = PIC16F84;
  • IC2 = (vedi testo) 78L05;
Diodi
  • D1 = D2 = Diodi Led;
Altro
  • Modulo Ricevitore Aurel AC-RX;
  • Ant1 = Filo di rame (vedi testo);
  • Strip "femmina" a tulipano.
 
Software nel Pic16F84
Per quanto riguarda il caricamento del software nel PIC, consultare la sezione apposita.
Software da inserire nel PIC16F84.


Dai un voto a questa pagina:

Rating: 2.3/5 (63 votes cast)

(Unobtrusive) AJAX Star Rating Bar Homepage